Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Hai mai sentito parlare di piante bioindicatrici? Queste sono le "erbacce" nel tuo giardino che contengono informazioni importanti sulle condizioni del tuo terreno.

In effetti, queste piante che crescono senza chiedere la tua opinione sono un ottimo indicatore della salute del tuo terreno e di come si evolverà se non fai nulla.

Piante indicatrici per il tuo terreno

Si tratta di comprendere il terreno attraverso la sua copertura vegetale.

Il suolo è un enorme serbatoio di semi che aspettano solo che emergano le condizioni perfette.

Ti sei mai chiesto come mai questa o quella pianta è arrivata nel tuo giardino quando non avevi fatto niente per lei? È solo che lì hanno trovato il tuo terreno per germogliare.

Ti lamenti costantemente del fatto che il tuo terreno è troppo argilloso o troppo calcareo? Le tue erbacce sono lì per dirti come migliorarlo.

Gérard Ducerf, esperto di piante bioindicatrici

Fu Gérard Ducerf a scoprire che lo studio delle piante spontanee poteva interessare la comprensione del suolo.

Dopo essere stato contadino, Gérard Ducerf è diventato botanico. Fu lavorando con agricoltori che volevano ottenere uno studio del loro suolo che si rese conto che la stessa sequenza di piante ritornava in tale o tal altro podere e portava irrimediabilmente a un grave degrado del suolo. Fu da questa osservazione che Gérard Ducerf scoprì che le "erbacce" permettevano di prevedere i malfunzionamenti prima che si manifestassero o prima che fosse troppo tardi per porvi rimedio.

Lo sai, le piante selvatiche crescono ovunque ma, buona notizia, puoi studiarle anche tu! Lo studio delle piante bioindicatrici non è confinato solo alle grandi aziende agricole e può, al contrario, essere molto utile sulla scala dei nostri giardini per aiutarci a comprendere meglio la vita del nostro suolo.

La bioindicazione del nostro orto, a cosa serve?

Osservando la dominanza di alcune piante, possiamo dedurre le condizioni del nostro suolo, le sue dinamiche e i primi passi da compiere per migliorarlo.

Con lo studio delle piante bioindicatrici non dovrai più disperare di vedere le tue erbacce andare a seme perché se modifichi il loro ambiente (passando ad esempio la grelinette) è molto probabile che non tornino no . Una pianta fastidiosa? Basterà conoscere le condizioni della sua germinazione e cambiare il contesto.

Tutte le piante germinano solo se tutte le condizioni che cercano sono soddisfatte. Ci informeranno quindi su:

  • la fertilità del nostro suolo;
  • la sua struttura (compatta, ariosa);
  • la sua consistenza (troppo argillosa, troppo sabbiosa);
  • o anche il suo PH.

La natura tenderà sempre a ritrovare il suo equilibrio: le piante che vediamo apparire sono già lì per rispondere al problema del suolo. L'obiettivo del giardiniere sarà quello di accelerare il processo della natura aiutandolo.

Tre grandi esempi di piante bioindicatrici

Non vedi l'ora di studiare le tue piante bioindicatrici a casa e scoprire cosa dicono del tuo terreno? Ecco tre esempi di piante comuni nei nostri giardini che, presenti nella maggior parte, indicano tre tipi di diversa evoluzione del suolo:

  • La primula bianca (Stellaria media) indica un terreno equilibrato: il tuo terreno è perfetto.
  • Il ficaire (Ranunculus ficaria) è il testimone del ristagno del suolo. Il tuo terreno è affamato di aria, quindi la materia organica non può essere scomposta e le piante non possono nutrirsi da sole. La soluzione ? Aerare il pavimento.
  • Il convolvolo dei campi (Convolvulus arvensis) è indicativo di suolo che contiene troppi nitriti, manca di aria e non è sufficientemente coperto (lisciviazione). Risultato? La catena di decomposizione non può più avvenire e alla fine le piante non possono più nutrirsi. Installa un pacciame ricco di carbonio (ad esempio frantumato) per eliminare l'eccesso di azoto e coprire il terreno.

Come realizzare il tuo sondaggio sulle piante bioindicatrici?

Pensi che sia necessario avere grandi conoscenze botaniche? Il più delle volte sai riconoscere le "erbacce" che strappi o almeno distinguerle dalle tue piante coltivate. Tuttavia, se hai dei dubbi sulla determinazione di un impianto, puoi utilizzare l'applicazione Plantnet.

  • Primo passo: determina la pianta più presente nella tua casa. Almeno il 70% dello spazio occupato da questo tipo di piante.
    • L'ortica (Urtica dioica) per esempio.
  • Secondo passaggio: individuare due o tre piante anch'esse fortemente presenti ma in misura minore
    • Grande piantaggine (Plantago major) e dente di leone (Taraxacum officinale).
  • Terzo passo: analizza le tue letture consultando la rete o l'enciclopedia delle piante bioindicatrici di Gérard Ducerf.
    • L'ortica (Urtica dioica) indica un terreno troppo ricco di materia organica che fatica a degradarsi.
    • La grande piantaggine (Plantago major) e il dente di leone (Taraxacum officinale) indicano entrambi un terreno privo di aria (calpestamento). Il tarassaco è indice di un terreno ricco o addirittura troppo ricco con una parte di sostanza organica che il terreno non digerisce più.
  • Quarto passo: agisci o meno per migliorare il tuo terreno.
    • Con il nostro esempio, l'obiettivo è fermare l'indigestione del suolo in sostanza organica e portargli aria. Smetti di concimare per un po' e dai al terreno un po' più di aria.

Piante selvatiche commestibili

Soprattutto ricorda che una pianta non cresce mai per caso, ha il suo ruolo da svolgere qui nel tuo giardino e non va sradicata a tutti i costi.

Pauline Sutter

Immagine di Erik Tanghe, F1 Digitals, S. Hermann & F. Richter, István Kopeczny, Ulrike Mai e Pauline Sutter

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Messaggi Popolari

Torta di mele alsaziana

Facile e veloce, questa ricetta per la torta di mele reinette è deliziosa e deliziosa. Ingredienti e tempi di cottura…